Caro Babbo Natale

25 Dicembre, 2019
25 Dicembre, 2019 Alessio Vissani

Lettera a Rovaniemi (Lapponia).

Caro Babbo Natale, sono un bambino di 38 anni. Si hai letto bene. 38 anni Una situazione buffa e insolita per te ma dato che mi hai letto cosi tante volte da piccolo, ho pensato che un saluto l’avresti accettato ben volentieri.  Quindi come te la passi? Mi sono sempre chiesto se in questa nuova era, dove anche i miei cuginetti più piccoli preferiscono giocare con le applicazioni dell’Iphone che ai consueti giochi da tavolo o all’aria aperta, se te avessi cambiato le tue visioni sul Natale. Immagino che per te sia rimasta comunque la giornata più importante dell’anno, 12 mesi a preparare doni e giocattoli da distribuire in tutto il mondo ma le lettere per esempio le ricevi ancora? So per certo che ancora non ti sei informatizzato quindi niente email e niente richieste di amicizia su facebook ma i  bambini ti scrivono ancora? Le richieste sono cambiate come è cambiato il mondo. Questo villaggio globale tanto sospirato e amato da Marshall McLuhan ha portato bambini e ragazzini a chiederti probabilmente più che galeoni delle Lego, o Michelangelo delle Tartarughe Ninja come facevo io i vari iPAD, cellulari di ultima generazione o comunque giochi che con la fantasia hanno poco a che fare. Un mestiere duro il tuo soprattutto in questa era, non mi prendere per il solito che generalizza, però effettivamente la realtà è ben diversa da quella dei nostri padri o nonni cui portavi un cavallo a dondolo, una scacchiera, una spada di legno oppure dei nostri periodi dove al castello di Greyskull di He-Man potevi aggiungere la carrozza delle Barbie o la piccola cucina di Novelle Cousine. Noi dovevamo personificare le storie d’amore dei piccoli mini-pony o le epiche ricerche degli ectoplasmi degli Acchiappafantasmi, ci immaginavamo di far parte di in un mondo fantastico e già a metà novembre la cosa che ci premeva più fare era prendere quei bellissimi cataloghi di giochi e buttare giù delle idee da chiederti. E te ogni anno ci accontentavi. Magari ci riscrivevi che di tutte le richieste che avevamo fatto, potevi soddisfarne solo alcune ma eravamo comunque felici. Ora non solo devi accontentarli in tutto e per tutto ma devi essere certo che devi andare anche oltre le richieste. I tuoi Elfi hanno lavoro oppure li hai dovuti far specializzare in tecnologie informatiche? A questo punto della lettera (se ancora mi stai leggendo ma sono sicuro di si) ti starai chiedendo che cosa ha da chiederti un bambino di 38 anni. Sarò molto sincero con te, non c’è una richiesta ma soltanto una sfrenata voglia di scriverti. Basta email…basta chat…basta link da condividere o sms…una bella lettera per te che da così lontano ci leggi, vicino al tuo grande camino nella tua casa in Lapponia. E comunque una richiesta c’è: mi ricordo che per un senso di dovere da piccolo insieme ai giochi scrivevo sempre pace nel mondo, oppure felicità a tutti e su questa lettera mi sento di chiederti un po’ di VERITA’…si hai capito bene vorrei VERITA’ per tutti. Togli le illusioni da una realtà che non ne ha bisogno. Sono peggiori di tanti NO messi insieme. Amo la mia terra. Amo l’Umbria per la qualità della vita e amo anche Foligno con i suoi pro e tanti contro ma un bambino di 38 anni, come può pensare di andare avanti e di costruire qualcosa in una realtà dove ciò che importa non è quello che siamo e quello che pensiamo ma quello che abbiamo, quello che possiamo offrire e soprattutto chi conosciamo. Vorrei rimanere qui ma non so se potrò. Babbo Natale questa è la lettera di un tuo fan da sempre, da un’amante della vita e dei sogni…cerca di far sognare i bambini di oggi e soprattutto per far si che i bambini come me, e come tanti altri, possano godere di quelle emozioni che ci donavi a noi quando bussavi alle nostre case; dona VERITA a tutti….dona la GIUSTA RAGIONE e dona un pò d’AMORE a 360° perché ce n’è veramente bisogno!

Alessio

, , , , , , , , , , , , ,
Alessio Vissani

Alessio Vissani

Fotografo e Giornalista. Da Piccolo stavo con gli Indiani e ancora adesso il West e il mondo dei Nativi Americani è la mia più grande passione. Adoro correre, fare trekking in montagna e viaggiare in moto. Divoratore seriale di libri e fumetti, giocatore da più di vent’anni di D&D e collezionista di sabbia, minerali, LEGO e fossili.