[Speciale Essen 2019] Mystery House

Novembre 15, 2019
Posted in Giochi
Novembre 15, 2019 Marco Ciccio Cecchini

Da qualche anno, quello delle Escape Rooms è diventato il divertimento di molti gruppi di amici. L’idea è semplice: ci si chiude in una stanza per un tempo programmato, e si collabora per risolvere gli enigmi che consentiranno di uscirne. Dopo un gran successo all’estero, le Escape Rooms sono arrivate in Italia, richiamando schiere di persone incuriosite, e spingendo le case editrici a gettarsi nella mischia per proporne versioni in scatola. La Cranio Creations ha tentato di fare qualcosa di più, presentando a Essen Mystery House, non a caso uno dei titoli più attesi.

Il gioco è la scatola stessa, tridimensionale, in cui sono inserite in fase di setup delle tessere raffiguranti porte e indizi, che i giocatori andranno a scoprire con l’aiuto della app collegata e di ciò che riusciranno a sbirciare attraverso le numerose finestrelle. 

La app segnerà lo scorrere del tempo e aiuterà a interpretare i segnali disseminati nella stanza, aggiungendo penalità nei casi di errore di interpretazione.

L’esperimento è sicuramente innovativo e divertente, rappresentando un ideale trait d’union tra la stanza fisica e il boardgame. La cooperazione è intensa, e più coinvolgente rispetto alle versioni da tavolo viste finora, grazie alla difficoltà di scrutare gli indizi infilando letteralmente gli occhi all’interno. Riguardo alla longevità, Cranio fornisce la scatola di due avventure, promettendo successive espansioni. Bisogna quindi valutare il gioco con un approccio differente dai titoli rigiocabili: dopo una partita ovviamente il gioco finisce, a meno che non si abbiano disturbi della memoria a breve termine. Ma in un’ottica di cooperazione, è un’evoluzione della serata tra amici: c’è chi mette la casa, chi mette la pizza e chi mette il gioco. Alla seconda serata ci sarà la seconda avventura, e così via con le successive uscite, per un gioco che promette di essere sempre nuovo.

 


Gioco innovativo, divertente e dalla durata (60 minuti) che non fa pesare il setup iniziale. Prezzo corretto, da dividere tra le due avventure, e sulla carta una buona longevità, garantita dalle espansioni previste.

L’ambientazione rientra proprio nella definizione di “scuro”, non a caso è previsto l’utilizzo di piccole torce (vendute separatamente) per osservare meglio all’interno della scatola.


COSA TROVIAMO DENTRO LA SCATOLA
  • 1 Scatola base forata con supporto in plastica per l’inserimento delle carte
  • 1 scatola contenente le carte per l’avventura “Ritratto di Famiglia”
  • 1 scatola contenente le carte per l’avventura “Il Signore del Labirinto”
  • 1 Sovrascatola
  • 1 Regolamento

LE PAGELLE DI CHIAROSCURO

Gioco: 7 sia per l’innovazione che per materiali e ambientazione. Resta il dubbio sulla sensazione di “abbonamento”, dato dalla necessità di acquistare le varie espansioni per non abbandonare la scatola in libreria, ma questo è un limite di tutte le escape room da tavolo.
Costo: 7 va splittato tra le due avventure, ed essendo un cooperativo diventa una spesa anche divisibile.

, , , , , , , , , , , ,
Marco Ciccio Cecchini

Marco Ciccio Cecchini

Dove Ciccio non è un diminutivo ma uno stile di vita.